Berlusconi disperato difende il reddito di cittadinanza perché spera che il M5s lo voti

Tempo di lettura: 2 minuti

Con l'ultima intervista Berlusconi cala le carte: vuole arrivare al Quirinale, e per arrivarci è pronto a tutto (anche ad adulare chi non lo voterà mai)

Silvio Berlusconi torna a far parlare di sé. In un’intervista rilasciata al giornale Il Tempo, il presidente di Forza Italia torna a tessere la tela per la sua candidatura al Colle. Dopo la ricerca di voti tra i renziani e dentro il centrodestra, il Cavaliere sembra aver individuato un nuovo bersaglio.

Nell’intervista Berlusconi parla di reddito di cittadinanza, questa volta elogiandolo e addirittura arrivando a definirlo uno strumento utile agli italiani nel contrasto alla povertà. A poche settimane dall’elezione, il quattro volte Presidente del Consiglio ha riconosciuto che il reddito ha operato bene e ha persino minimizzato i casi di frode.

Risulta chiara a tutti, dunque, la strategia: ottenere i voti dei parlamentari del Movimento 5 stelle in vista del voto per il Quirinale. A dirla tutta, è altamente improbabile che i pentastellati vogliano Berlusconi al Quirinale, data la considerazione che di Berlusconi si ha tra i parlamentari grillini.

L’opinione pubblica pare ridicolizzare la mossa politica di Silvio Berlusconi. Sulla vicenda è intervenuto anche Carlo Calenda, leader di Azione, che commenta retwittando il titolo dell’intervista, ‘Berlusconi difende il Reddito di cittadinanza: “Contrasta la povertà”‘ e aggiungendo di suo pugno: “E aiuta a trovare lavoro. Al Quirinale”.

Berlusconi poi commenta l’operato dell’attuale premier Mario Draghi e ribadisce che è necessario che il premier resti a Palazzo Chigi in questa fase delicata. In questo modo, il Cavaliere cerca di spegnere le voci secondo cui il premier sarebbe intenzionato a sloggiare da Chigi per il Quirinale già nel 2022.

Nonostante ad oggi non abbia ufficializzato la sua candidatura per il Quirinale, è chiaro che Silvio Berlusconi voglia sedere sullo scranno più alto. L’ultima, disperata, mossa di ricerca del consenso in territorio nemico adesso palesa a tutti quanto il Cavaliere sia fermamente intenzionato a sedere al Colle.

IL CINICO

Per un mondo libero dal politicamente corretto e dalle frasi di circostanza.

Lascia un commento

Your email address will not be published.